Alaa-al-aswany

Lo scrittore egiziano ‘Ala al-Aswani a Torino, Milano e Roma

club rivisto
(sì lo so la foto fa pena, ma abbiate pietà, l’ho scattata con un cellulare)

L’autore del bestseller “Palazzo Yacoubian” e di “Chicago” verrà in Italia per promuovere il suo ultimo romanzo, da pochissimo arrivato anche sugli scaffali delle librerie italiane: “Cairo Automobile Club (Nadi al-Sayyarat, Dar el Shorouk, Il Cairo 2013), tradotto dall’arabo da Elisabetta Bartuli e Cristina Dozio, e pubblicato da Feltrinelli.

Gli appuntamenti da segnare sono i seguenti:

Lunedì 13 ottobre
Torino ore 18

Biblioteca Civica Natalia Ginzburg – Via Cesare Lombroso, 16

Intervengono Marco Pautasso e Younis Tawfik
In collaborazione con il Salone Off 365 del Salone Internazionale del Libro

Martedì 14 ottobre
Milano ore 18

laFeltrinelli Librerie – piazza Duomo
Interviene Pietro Cheli

Mercoledì 15 ottobre
Roma ore 18

laFeltrinelli Libri e Musica – piazza Colonna 31/35
Interviene Francesca Caferri

________________________________

La trama del libro (ripresa dal sito Feltrinelli)

Alla fine degli anni Quaranta, sotto le pale dei ventilatori del Cairo Automobile Club, l’Egitto dei pascià e dei monarchi amoreggia con aristocratici e diplomatici d’ogni sorta, basta che siano europei. Regolarmente Sua Maestà il re onora con la sua eminente presenza il tavolo del poker. Stravaganza, magnificenza e decadenza che non escono dalle porte dei saloni pavimentati a parquet. Negli spazi comuni, un esercito di servitori e impiegati venuti dall’Alto Egitto e dalla Nubia si affanna a soddisfare le esigenze dell’inflessibile Kao, camerlengo del re.

Il servitore del monarca è anche il capo supremo dei dipendenti di tutti i palazzi reali, che spadroneggia nei minimi dettagli sulla loro misera esistenza e si diletta a professare l’arte della sottomissione. Tra i “sudditi” c’è ‘Abdelaziz Hamam, erede di una ricca famiglia in rovina, arrivato al Cairo nella speranza di assicurare un’istruzione ai figli. Seguendo i cammini contrastanti che prendono i suoi ragazzi, scopriamo gli ultimi sussulti dell’Egitto pre-nasseriano: l’arroganza delle classi dominanti, la miseria dei reietti, il risveglio del sentimento nazionalistico. L’edificio si crepa ovunque, e nel microcosmo dell’Automobile Club, dove il volto nero come il carbone di un domestico aggiunge un tocco di eleganza all’ambiente, fremono i tempi e l’esplosione rivoluzionaria che infiammerà il paese.

Più che mai impegnato e umanista, ‘Ala al-Aswani riprende i racconti popolari e i colori sgargianti dell’irresistibile Palazzo Yacoubian e indica instancabilmente l’unica via giusta per il suo paese: una democrazia egiziana da costruire.

_____________________

La Stampa lo ha già recensito qui.

Di questo romanzo, lo scrittore ha parlato nella video-intervista che segue (in francese):

E per non dimenticare, vi ricordo che: l’ottobre dell’anno scorso, in occasione del lancio della versione francese del libro presso l’Institut du Monde Arabe parigino, le cose si erano messe male per lo scrittore: un gruppo di sostenitori del deposto presidente egiziano Morsi, presenti in sala, aveva inveito contro di lui, il quale si era esposto pubblicamente a favore del militari (e di El Sisi) e contro i Fratelli Musulmani. Le proteste veementi lo avevano costretto ad abbandonare la sala della presentazione e a riparare verso un’uscita di servizio.

Ne avevo scritto più approfonditamente qui.

2 pensieri su “Lo scrittore egiziano ‘Ala al-Aswani a Torino, Milano e Roma”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...