collage_photocat sul romanzo arabo

Sul romanzo arabo

Lo scorso maggio, l’associazione Ashkal Alwan di Beirut ha organizzato un seminario sullo stato dell’arte del romanzo arabo contemporaneo (ve lo avevo segnalato qui), a cui hanno partecipato molti autori di lingua araba provenienti da tutta la regione. Ne ha parlato L’Orient Litteraire, di cui di seguito vi propongo alcuni estratti. L’originale in francese è a questo link.

Di Tarek Abi Samra; traduzione dal francese per editoriaraba di Gaia Vianello

“Non immaginavamo (..) il tipo di difficoltà che avremmo incontrato cercando di riunire degli scrittori arabi a Beirut.” É attraverso queste cupe parole che Christine Thomé ha aperto il “Seminario sul romanzo arabo” organizzato dall’Associazione libanese di arti plastiche Ashkal Alwan.

Fondatrice e direttrice di quest’associazione, Thomé ha aggiunto nello stesso tono un po’ disilluso: “Degli ostacoli insospettati si sono accumulati giorno dopo giorno, rivelandoci, nel dettaglio, il misero stato del nostro mondo arabo attuale”. Molti scrittori si sono trovati nell’impossibilità di partecipare a questo seminario, ha spiegato: lo yemenita che non poteva lasciare il proprio villaggio sotto assedio, il kuwaitiano le cui autorità nazionali si sono raccomandate all’ultimo momento di non avventurarsi in Libano per ragioni di sicurezza, l’egiziano incarcerato per il suo romanzo, la palestinese a cui è vietato l’accesso in territorio libanese, infine la siriana costretta a rimanere nella sua terra d’esilio fino all’ottenimento del proprio permesso di residenza.

Il romanzo come genere letterario dominante

Nonostante questi ostacoli, il seminario, tenutosi a Beirut dal 29 al 2 maggio, ha potuto riunire una trentina di partecipanti, tra cui dei grandi nomi del romanzo arabo e libanese. All’origine di quest’impresa, ci sarebbe una constatazione di fatto, un fenomeno culturale abbastanza recente il cui significato dev’essere chiarito: l’incremento quantitativo senza precedenti della pubblicazione romanzi nel mondo arabo. Non esistono statistiche su questo tema, ma si potrebbe stimare,  basandosi sul numero di iscrizioni ai premi letterari, che ogni anno vengano pubblicati tra i seicento e i mille romanzi arabi, provenienti da tutti i diversi paesi.

Nel suo intervento al seminario, il romanziere libanese Hassan Daoud ha definito questa trasformazione “colossale”, aggiungendo come, dieci anni prima, considerasse “l’uscita di un romanzo una sorta di evento letterario”. Secondo Daoud negli anni ottanta era possibile avere una panoramica globale e precisa dell’insieme della produzione romanzesca araba, mentre oggi, di fronte alla proliferazione vertiginosa di questo settore e lo sbocciare di nuove modalità di scrittura influenzate da una moltitudine di correnti letterarie, nessuno può ragionevolmente avanzare la pretesa di definire cosa sia attualmente il romanzo arabo.

Ecco dunque la poesia, il genere letterario arabo per eccellenza, definitivamente spodestata – almeno quantitativamente -, potremmo dire. Quali sarebbero le cause, probabilmente molteplici e complesse, all’origine di questo stravolgimento?

É a questa domanda che il romanziere iracheno Ali Bader ha consacrato in maniera quasi esclusiva il suo intervento. Secondo l’autore di Papa Sartre, l’inizio degli anni novanta è stata un’epoca critica durante la quale il romanzo ha progressivamente iniziato ad occupare il posto della poesia nel campo della cultura araba, per diventare infine il genere letterario dominante. É il periodo della fine delle grandi ideologie arabe moderniste, come il nazionalismo, di cui uno dei porta parola era specificamente la poesia.

Quest’ultima era in qualche modo un’incarnazione del concetto di nazione, spiega Bader, mentre la prosa romanzesca che l’ha sostituita ha portato in primo piano l’individuo e i gruppi marginalizzati della società.

 Lo specchio delle società smembrate

Durante il seminario, Élias Khoury ha contestato in maniera forte lo spunto di Ali Bader. Khoury accetta tuttavia l’idea che vi sarebbe una certa relazione tra la caduta delle grandi ideologie e la crescita della produzione romanzesca, poiché afferma che la guerra civile libanese ha giocato un ruolo di prim’ordine nella nascita di una nuova generazione di romanzieri nel nostro paese. La guerra ha infranto il grande racconto mitico, nazionale ed egemonico relativo al Libano, ha detto Khoury, contribuendo così all’emergere di una moltitudine di racconti frammentati e a volte contraddittori, di cui il romanzo, caratterizzato dalla polifonia, ha largamente beneficiato.

Il rapporto del romanziere con i drammi della propria società evocato da Khoury, ha costituito il punto centrale del contributo dell’iracheno Ahmed Saadawi. Secondo l’autore di “Frankenstein a Baghdad” (Arabic Booker 2014), uno scrittore di romanzi originario di un paese oggi devastato come la Siria, lo Yemen o l’Irak, si deve spesso confrontare con il seguente problema: costantemente sollecitato a fornire la propria opinione sugli eventi scottanti e tragici, sentendosi anche in dovere, in quanto intellettuale, di prendere parte ai dibattiti pubblici, deve tuttavia fare in modo che la sua scrittura romanzesca non si trasformi in un resoconto semi giornalistico, in un semplice commento sull’attualità politica e sociale. La sola via d’uscita possibile secondo Saadawi, è che il romanziere prenda le distanze e si allontani, almeno in maniera temporanea, dallo spazio pubblico, nonostante il senso di colpa che una simile scelta potrebbe comportare.

“ Come parlare di romanzo siriano mentre i cadaveri sono lì, esposti davanti ai miei occhi?” si è chiesta Maha Hassan, scrittrice di romanzi siriana residente in Francia.

Hassan considera che le catastrofi che sono scaturite nel suo paese hanno generato una tappa nella storia del romanzo siriano. Poco dopo il 2011, quest’ultimo è entrato in un periodo di sperimentazione in cui i racconti, accostati all’attualità che tentano di riportare, si occupano quasi esclusivamente di destini collettivi. Secondo Hassan, il risultato di questa nuova tendenza sono romanzi scritti a volte frettolosamente, dalla costruzione un po’ fragile, e che hanno soprattutto una funzione di documentare la realtà.

Gli ateliers di scrittura

 Cosa possono portare gli ateliers di scrittura agli scrittori esordienti o anche a quelli che hanno già pubblicato? L’intervento di Najwa Barakat si è focalizzato attorno a questa domanda, e la sua risposta dà una visione catastrofica dello stato della letteratura araba contemporanea. Barakat, che dirige da sette anni l’atelier “ Come scrivere un romanzo “, afferma che una larga parte dei romanzi attualmente pubblicati nel mondo arabo, compresi quelli che ottengono premi letterari, soffrono di gravi mancanze, che sia nella loro costruzione o architettura globale, nel loro stile spesso pesante, o nel loro ricorrere ad un sentimentalismo eccessivo.

L’eterna questione della traduzione

 La traduzione delle opere di uno scrittore arabo è spesso considerata come segno di successo. Secondo Jabbour Douaihy, “ lo scrittore arabo è più ossessionato dall’essere tradotto rispetto agli scrittori che utilizzano altre lingue. Ci comportiamo, prosegue, come se l’arabo fosse una lingua minoritaria. “. Douaihy precisa che la scelta delle opere da tradurre da parte delle case editrici si opera frequentemente sulla base di criteri che hanno più a che fare con il mercato economico che con il valore letterario dei testi, preferendo spesso romanzi che vadano nella direzione delle aspettative dei lettori. Ed è così che la rappresentazione della donna araba come vittima è un’immagine stereotipata che seduce molti Occidentali.

Samuel Shimon, cofondatore della rivista Banipal consacrata alla traduzione della letteratura araba contemporanea, è più ottimista. secondo questo scrittore e romanziere d’origine irachena, la letteratura araba viene sempre più tradotta in Europa: si è passati da quattro libri tradotti all’anno in Inghilterra negli anni settanta, ad una quarantina al giorno d’oggi.

La traduttrice italiana Elisabetta Bartuli condivide lo stesso ottimismo: nonostante il numero assai esiguo di opere arabe tradotte ogni anno, l’accumulazione ha giocato il suo ruolo e il lettore italiano dispone attualmente di una ricca bibliografia di letteratura araba contemporanea.

 Il romanzo ha ancora dei tabù da rompere?

 Il romanziere Mahmoud el-Wardani, ha dichiarato in maniera categorica che il romanzo arabo non ha più alcun tabù da rompere: “ Il romanzo ha ormai altre missioni: si è già liberato (…) e la questione dei tabù non si pone neanche più.”.

El-Wardani precisa tuttavia che le società arabe non hanno raggiunto lo stesso grado di libertà, al contrario, perché le loro istituzioni praticano ancora una censura feroce, incarcerando spesso gli scrittori, come nel caso del giovane scrittore egiziano Ahmed Nagy, condannato a due anni di prigione per “offesa alla morale pubblica” a causa del suo romanzo L’uso della vita.

In effetti, Ahmed Nagy era uno degli invitati a questo seminario, ma la sentenza non gli ha ovviamente permesso di parteciparvi. Uno spazio gli è stato riservato nel panel in cui doveva prendere parte, durante il quale altri scrittori hanno letto alcuni passaggi del romanzo per cui è stato condannato. Questo piccolo omaggio che gli è stato reso è la prova che se il romanzo ha rotto molti tabù, le società arabe soffrono ancora di troppi divieti che dovrebbero infrangere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...